Mediologia e virologia

Ed ecco a voi una per me interessante discussione sviluppata via chat tra un gruppo di amici di vecchia data, sulla situazione attuale tra pandemìa e pan-média. Li ringrazio per avermi dato l’autorizzazione a pubblicare i loro pensieri, ma soprattutto per lo spirito critico ben piantato nella realtà.. Meditate voi.

MA: Sentite Zangrillo… Sarebbe il caso ci restituissero la libertà.

CM: Forse sarebbe il caso che si mettessero d’accordo.. Al momento l’impressione é che ogni virologo, primario, caposala voglia i suoi cinque minuti di celebrità in TV, tanto ogni giorno ne spunta fuori un altro… Poi ognuno é libero di pensarla come vuole…

SDM: Pensa che esiste il ranking mondiale dei virologi, tipo il tennis. Quelli che senti sempre sono i messi peggio in classifica.

CM: Qui non conta competenza e professionalità, se dall’altra parte devi affrontare cinture nere di Facebook e presenzialismo… Fa molto più proselitismo un salotto dalla D’Urso che anni di duro lavoro..

AV: In effetti molti medici hanno perso la testa travolti da una inaspettata popolarità. Certo mi aspetterei che degli stimati virologi sessantenni riuscissero a gestire la popolarità meglio di un Balotelli o di un Cassano..

MA: Questo come altri che hanno espresso opinioni divergenti dai buffoni che vanno da Fazio in tv senza aver visto un caso che sia uno sono un tantino più credibili.. soprattutto quando dicono cose sensate a differenza di tutte le minchiate che sparano quelli del cts, mascherine comprese! Un comitato di cariche politiche che ora deve mandare avanti il teatrino per essere credibile. Io ora mi sono rotto veramente i coj.

FD: Anche io, dato che le attuali Cassandre sono quelli che parlavano con saccenza a febbraio di rischio 0 per l’Italia.

ME: Anche in tempi normali, quando i dati sono stabili, le interpretazioni degli esperti é varia. Figuratevi ora in cui anche i dati sono ballerini. Quindi, non mi stupisce che ognuno parli e che pensi di avere ragione. E non mi stupisce neppure che i media chiamino anche idioti: basta che dicano qualcosa di diverso che possa essere rimbalzato bene sui social (che, di norma, non fanno molto filtro basato sulla competenza…).

MA: Che non ci sia più un’emergenza mi sembra evidente in oltre 3/4 del paese.. 1/4 é soggetto a varie interpretazioni. Quel che é certo é che anche un giorno di privazione ingiustificata di libertà fondamentali é rilevante per quanto mi riguarda. Avete idea di cosa serve per privare una persona della libertà?? No, perchè sembra che qualunque cosa ci propinino senza alcuna garanzia di poterla contestare vada sempre bene…

DA: No, in effetti non lo so. E quindi grazie della spiegazione. Ma portate pazienza, qui abbiamo più idea di cosa serve per privare una persona della vita.. Comunque, cosa volete che sia una vita, tanto si muore ogni anno anche di influenza.

CM: Ribadisco che stiamo diventando tutti esperti in dietrologia e senno del poi. Io mi tiro indietro, ho difficoltà a capire il presente, figuriamoci passato e futuro! DA, qui dobbiamo tornare a scuola per stare al passo coi tempi, guardare avanti per non restare indietro.

DA: Eh, ma le scuole sono chiuse. Il club ci vuole tutti ignoranti. Mi spiace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *